Day: November 1, 2022

LA SERENITÀ

LaRosadiAndromaca

È che, forse, la serenità è frutto di un’educazione emotiva, di un processo di maturazione personale, individuale, intimo persino. Di un’attenzione nuova e costante a non maltrattarsi l’anima. A sciogliere i nodi. A parare i colpi che la vita ci assesta. Superficiali, a volte. Piccoli ematomi interni che passano in fretta. Dolori immensi, altre volte, dritti e secchi nel culo, contro i quali nulla si può. E tutti gli altri malesseri, quelli ancora più naif, quelli che ci avvelenano i giorni, le settimane, gli anni; quelli che ci siamo scelti e procurati da soli, in autonomia, e che prima o poi troveremo il coraggio di scaricare, perché a un certo punto diventa una questione di intelligenza, scegliere, distinguere tra cosa merita il nostro dolore e cosa no.. .
È che, forse, la serenità richiede volontà e impegno. Risolutezza, allenamento, predisposizione. Come la dieta. Come la palestra. Come l’eutanasia per gli…

View original post 2 more words

SPERIAMO BENE?

LaRosadiAndromaca

Penso che ci possiamo abituare ai cattivi o almeno capita. Forse ci sembrano più fedeli alla realtà, non perché per forza ci rivediamo in essi; gli eroi forse vengono percepiti come personificazioni delle virtù, molto spesso lo sono, perché sono invenzioni di film, fumetti, libri, etc. Ci sono molte opere dedicate ai cattivi? No, perché gli eroi piacciono, sono così perfetti, sempre coraggiosi, fedeli ai loro principi, sono esempi da seguire. Gli umani, cioè noi, non sono perfetti, forse pensano che fare gli onesti sia da coglioni, sia una fatica non ripagata.
Capita che viviamo di ideali, alcuni forse li rendono concreti, altri non lo fanno, probabilmente siamo tutti buoni con le parole ma a fatti insomma… parlando in generale.
Penso che ci possiamo abitualmeno capita. Forse ci sembrano più fedeli alla realtà, non perché per forza ci rivediamo in essi; gli eroi forse vengono percepiti come personificazioni delle virtù…

View original post 249 more words

IL PERCORSO DELLA VITA

LaRosadiAndromaca

Il percorso di ogni vita è sempre un “percursus “(dal latino ‘percurrere’, passare attraverso), uno spostamento in una direzione o l’altra, cioè, che non prevede il permanere a guardare lungo i confini latenti del tempo, ma di essere parte della propria vita e di ogni vita.
La vita è attraversata dalla nostra presenza, essa è prima e dopo di noi e il nostro percorrerla può nobilitarci nell’atto della comprensione e condivisione o, al contrario, abbrutirci nell’atto del rifiuto e dello svilimento del suo essere per noi e con noi, ma anche oltre di noi.
Forse, il mistero più bello e più delicato della vita è proprio nel non esserne i padroni pur dovendo padroneggiarla, ma affidatari di un dono prezioso e puro di cui essere riconoscenti, certo, ma soprattutto responsabili.
È come se qualcuno cui teniamo molto ci affidasse il suo oggetto più prezioso e caro, prezioso perché caro, affinché…

View original post 386 more words